Direttore Sanitario

Nel 1996 il dott. Felice Vigliano, che all’epoca era il Direttore Sanitario della VAPC, mi invitò a prendere il suo posto in quanto voleva cedere alla nuove generazioni un gioiello che, con un gruppo di volenterosi ciglianesi, aveva contribuito a creare nel lontano 1976. Il compito mi sembrò molto al di sopra delle mie possibilità ma lui fu così rassicurante che decisi di accettare: il dott. Vigliano ha sempre rappresentato per me un uomo ed un medico speciale che mi ha vista venire al mondo e che, con la sua discreta presenza, ha sempre seguito le mie scelte professionali. La stima che nutrivo nei suoi confronti mi convinse che valeva la pena accettare la sfida. Molto concentrata sulle responsabilità professionali e gli oneri burocratici mi resi conto ben presto che ero entrata a far parte di un gruppo di persone in primis oltre che di “professionisti del volontariato” motivati e generosi. Da allora la VAPC è cresciuta per il numero di volontari, per servizi ed iniziative sociali tanto che posso continuare a ricoprire questo ruolo unicamente grazie alla fiducia che ripongo nei miei più stretti collaboratori ed in tutti i volontari che, quotidianamente, agiscono per l’associazione con professionalità e spirito di abnegazione. Il mio ruolo, oltre che di medico responsabile degli aspetti tecnici, si è trasformato anche in consigliere dei volontari che necessitano di counselling continuo per le difficoltà di convivenza in un gruppo eterogeneo, per la difficile conciliazione tra la vita lavorativa e familiare e gli impegni del volontariato. Ciò ha creato un rapporto di collaborazione tale da consentire il regolare svolgimento dell’attività con inevitabili problemi e discussioni ma sempre costruttive.

La qualità dell’attività assistenziale è mantenuta elevata con i corsi di formazione certificati dalla Regione Piemonte indispensabili per svolgere l’attività di emergenza ed i trasposti e con attività di refresh periodico. La formazione in questo settore è estremamente difficoltosa in quanto la maggior parte dei volontari non sono professionisti e devono apprendere, quindi, teoricamente e praticamente le nozioni fondamentali del soccorso e dell’assistenza oltre che le procedure operative di interfacciamento con il Sistema di Emergenza 118.

"L’attività è in continua evoluzione e la sfida continua ma grazie alla buona volontà e alla professionalità degli operatori confido in buoni risultati. "

Direttore Sanitario VAPC Onlus
Dott.ssa Eliana CRISTOFARI